Cerca con Google

Google

28 novembre 2014

In lutto il mondo del cricket: muore Philip Hughes colpito alla testa dalla pallina durante una partita

Il cricket  mondiale è in lutto per la morte del venticinquenne Philip Hughes, colpito due giorni fa da una palla alla testa durante il match tra New South Wales e South Australia.

 
Il terribile incidente è stato causato da un lancio corto e veloce di Sean Abbott che Hughes, giocando un pull shot, non è riuscito ad agganciare con la mazza. La rotazione del corpo per giocare il colpo ed il tentativo di evitare la palla ha esposto la testa di Hughes nella parte laterale posteriore non protetta dal casco. L'impatto con la palla ha causato una rottura dell'arteria vertebrale causando un'emorragia cerebrale irreversibile.

La morte di un giocatore è, grazie al cielo, rara nel cricket, anche se lo scorso anno un altro atleta, il sudafricano Darryn Randall, è deceduto dopo essere stato colpito alla testa durante una partita in un campionato minore in Sud Africa. Nonostante gli incidenti siano rari nemmeno gli arbitri sembrano essere totalmente al sicuro come avevamo già detto in "Arbitri che rischiano la vita".

Hughes, di madre e passaporto italiano, aveva avuto il suo miglior risultato personale internazionale nel febbraio 2009 realizzando una centuria in ciascun innings del suo secondo Test Match, contro il Sud Africa a Durban. Dopo, la sua presenza nella nazionale australiana era stata discontinua mentre continuava invece ad essere dominante nel cricket domestico.
Philip era nato a Macksville nel New South Wales il 30 novembre 1988. Suo padre Greg è un coltivatore di banana mentre la madre Virginia, nata in Sicilia, è casalinga. Alla nascita la madre lo svevs iscritto all’AIRE, trasmettendogli quindi la cittadinanza italiana.

Nel 2009, durante la tournèe della nazionale australiana in Inghilterra, Philip aveva parlato con l’allenatore azzurro Joe Scuderi ed aveva ipotizzato di seguire il percorso di Michael Di Venuto, ce aveva indossato la maglia azzurra a fine carriera.

#cricket #63notout


Nessun commento: