Cerca con Google

Google

8 agosto 2008

Perché il cricket non è alle Olimpiadi?

E’ almeno un secolo che gli appassionati di cricket si fanno questa domanda. Ed oggi, inizio delle XXIX Olimpiadi di Pechino 2008, è ancora più appropriata.

Storicamente il cricket ha già fatto parte dei giochi olimpici. Nella II Edizione (Parigi 1900), come riporta Wikipedia, si è tenuto un torneo di cricket, programmato inizialmente con quattro squadre ma, dopo il ritiro di Belgio e Olanda, disputato solo da Gran Bretagna e Francia.

Alla Gran Bretagna (vincitrice del torneo) fu assegnato l'Argento ed alla Francia (seconda) il Bronzo ma successivamente il C.I.O. ha riassegnato le medaglie, attribuendo rispettivamente Oro e Argento.

In seguito il cricket è completamente sparito dalle Olimpiadi.

Più volte, in particolare in occasione di Sydney 2000 e prima dell’assegnazione di quelle 2012 a Londra, si è tornato a parlare ed a sperare in un rientro del cricket.

La speranza era però vanificata da un fatto molto semplice: il cricket non era riconosciuto dal C.I.O.

Solo nel 2007 l’International Cricket Council è tornato nella “famiglia olimpica” riuscendo a soddisfare tutti, o quasi tutti, i parametri necessari (in particolare: cricket femminile e normativa antidoping).

A questo si aggiunge il grandissimo successo ottenuto in tutto il mondo dal Twenty20 (partite di soli 20 overs e tempo predefinito) che potrebbe essere la formula giusta per il ritorno ai giochi olimpici.

I tempi saranno necessariamente lunghi e proprio in questi giorni molti giocatori di fama hanno sposato lo slogan Twenty20 for 2020 Olympics.

Aspetteremo.

Nessun commento: